8 maggio 1898: al Genoa il primo campionato italiano di calcio

E’ l’8 maggio 1898 quando a Torino si celebrano i 50 anni dello Statuto Albertino, la costituzione adottata dal Regno di Sardegna il 4 marzo 1848. Presso il Velodromo Umberto I (prima sede degli incontri calcistici torinesi, nonché primo campo di gioco della Juventus e del Torino calcio), si incontrano in un torneo 4 squadre di calcio: Internazionale Torino, Football Club Torinese, Ginnastica Torino ed il Genoa Cricket and Football club. Il torneo si svolse in un’unica giornata con forma di quadrangolare: due semifinali al mattino con qualificazione diretta alla finalissima del pomeriggio. Vincitore della manifestazione fu la squadra ligure, che batté in finale l’Internazionale Torino 2-1 davanti ad un centinaio di spettatori: il gol che valse il primo scudetto fu segnato per il Genoa da Norman Leaver, un 22enne londinese di Sheperd’s Bush.
Alcuni particolari consegnano ancor più questa giornata alla categoria del mito: le traverse delle porte fatte di corda, i cesti posti di fianco alle porte, in cui i giocatori riponevano gli abiti borghesi con cui erano giunti fino al luogo del torneo, i guanti bianchi alle mani. Erano giorni convulsi quelli in cui il Genoa si laureò campione: l’Italia era alle prese con manifestazioni popolari contro l’aumento dei prezzi del grano e del pane, come quelle che vennero sedate con le cannonate dal generale Bava Beccaris a Milano in cui ufficialmente si contarono 82 morti. I giornali erano occupati dalle cronache di quegli avvenimenti e la notizia della vittoria genoana venne pubblicata sulla Gazzetta dello sport 5 giorni dopo l’evento, che a sua volta fu informata via telegrafo. Questo il testo della notizia che segna la nascita ufficiale del campionato di calcio italiano:

Dopo le gare eliminatorie che ebbero luogo in mattinata, rimasero a contendersi il Campionato il club genovese e l’Internazionale. Viva e accanita fu la lotta d’ambo le parti. Dopo due ore di gioco le due società si trovavano ad avere un punto pari, così che si dovette prolungare la partita di altri venti minuti. I genovesi, quantunque si trovassero con un bravo giocatore fuori combattimento in causa d’una caduta, riuscirono a vincere con un altro punto conquistando la coppa di campionato italiano. L’onore dell’ultimo punto spetta al socio Leaver.