E’ stata prorogata fino al 25 febbraio 2018 la mostra che Bologna dedica a Surrealismo e Dadaismo, nell’ottica di fornire uno sguardo privilegiato sulle più unnovative e rivoluzionarie correnti artistiche del Novecento. In esposizione circa 180 opere provenienti dall’Israel Museum di Gerusalemme.
La rivoluzione artistica, la rottura con il passato e l’invenzione di un mondo nuovo, sono raccontati con dovizia di particolari: le opere , come detto provenienti dall’ Israel Museum di Gerusalemme, sono organizzate in sezioni tematiche attraverso cui si articola la visita: Accostamenti meravigliosi, Desiderio: musa e abuso, L’automatismo e la sua evoluzione, Biomorfismo e metamorfosi e Illusione e paesaggio onirico.

L’Israel Museum
L’incontro tra Dada, Surrealismo e il museo gerosolimitano inizia come un “incontro casuale” più di cinquanta anni fa, ma si è ben presto evoluto in una relazione profonda e feconda. Grazie a lasciti generosi provenienti in gran parte da donatori e artisti, il Museo ha potuto formare una spettacolare collezione di opere Dada e surrealiste, che comprende tutte le tecniche impiegate da questi movimenti innovativi: dipinti, readymades , collage, assemblaggi, fotografie e lavori su carta.
Il Museo deve questa ricchezza innanzitutto ad Arturo Schwarz – docente, scrittore e poeta milanese -, che ha donato la sua vasta collezione di arte Dada, surrealista e pre-surrealista comprendente più di 700 opere che costituiscono la maggior parte della collezione e della selezione di opere in mostra.

In mostra, alcuni celeberrimi capolavori, tra cui “Le Chateau de Pyrenees” di Magritte, “Surrealist Essay” di Dalí, “L.H.O.O.Q.” di Duchamp e “Main Ray” di Man Ray.

Orario apertura mostra
Tutti i giorni dalle 10.00 alle 20.00

Dove
Palazzo Albergati, Via Saragozza, 28, 40123 Bologna BO, Italia

 

Salva

COSTO BIGLIETTO SALTAFILA CON AUDIOGUIDA: 19€

Acquista il biglietto per la mostra "Duchamp, Magritte, Dalì. I rivoluzionari del Novecento" a Palazzo Albergati