Appena al di fuori della città vecchia, in posizione frontale rispetto alla Stazione Marittima e ai piedi della collina di San Rocco, sorge il Palazzo del Principe. Il palazzo, recentemente restaurato e commissionato dall’ammiraglio Andrea Doria nella prima metà del ‘500, è sorto dall’unione di alcuni palazzi presistenti. Per volontà del suo costruttore divenne una vera e propria corte rinascimentale, luogo in cui il mecenatismo produsse opere e decorazioni varie: nel palazzo hanno operato rinomati artisti italiani e stranieri, tra cui spiccano Rubens e Perin del Vaga. Il tema principale degli affreschi e delle decorazioni presenti è la celebrazione della famiglia Doria che tuttora abita nel palazzo (con il ramo Doria Pamphilj).
All’interno della villa sono visitabili la loggia, numerosi saloni e la Galleria Aurea. All’esterno stupisce il meraviglioso giardino, anticamente affacciato sul mare, dominato dalla Fontana del Tritone, attorno alla quale si intersecano simmetricamente le aiuole quadrangolari. Il collegamento tra giardino e mare è stato spezzato con l’ampliamento del porto e la costruzione della Stazione Marittima. Allo stesso modo a causa della costruzione della ferrovia a metà dell’ottocento e l’avanzamento dell’attività edilizia, con la costruzione di nuove strade ed edifici, anche il giardino a monte è andato perduto. Il maestoso palazzo e il suo giardino si trovano così purtroppo schiacciati tra le strade, il traffico e la nuova urbanizzazione.
Palazzo del Principe – Via San Benedetto, 2 , Genova