Accessibile da Viale Interiano (al termine di Via Garibaldi girare a sinistra), piazza Portello è situata lungo una delle arterie principali per il traffico cittadino. Dei bei palazzi si affacciano sulla Piazza e sulle vie limitrofe, ma il traffico veicolare limita purtroppo la godibilità della piazza. Sul lato monte si trova l’ascensore, tramite il quale è possibile salire, con un’ascesa di circa 80mt, fino alla Spianata di Castelletto che offre una vista impareggiabile sulla città. L’ascensore, realizzato nel 1909, è stato celebrato anche da una poesia di Caproni. Si può utilizzare con normale biglietto del bus.
Sopra la galleria sul lato ovest della piazza, quello che conduce verso largo Zecca, si trova il giardino di palazzo Nicolosio Lomellino (accessibile da via Garibaldi), riconoscibile per la torre orientaleggiante, di epoca rinascimentale, posta proprio sopra l’imbocco della galleria: è una vera meraviglia quasi sconosciuta agli stessi genovesi, visitabile solo in alcuni giorni dell’anno, spesso in concomitanza con le aperture speciali previste durante i giorni dei Rolli.

Piazza Portello: vista della torre di palazzo Nicolosio Lomellino, alla sua destra la piattaforma di arrivo dell’ascensore di Castelletto

Curiosità
Poco prima della galleria Nino Bixio, che conduce verso piazza Corvetto, si trova salita delle Battistine, una mattonata che conduce verso la collina: risalendo la via fino al civico 8 vi troverete presso lo stabile in cui visse, per qualche mese in una fredda soffitta, Friedrich Nietzsche, che proprio qui scrisse La Gaia scienza.