Stai pensando di fare una toccata e fuga a Milano e quindi ti stai chiedendo cosa vedere e fare a Milano in un giorno soltanto?
Questa lista di cose è una piccola guida che speriamo possa guidarti ad ottenere il massimo dalla tua visita in città!
Milano è la capitale economica italiana, la città degli affari, della borsa, il cuore pulsante del paese, ma è anche una città ricca di storia, musei, monumenti e luoghi da visitare. Naturalmente non sarà possibile in un giorno soltanto visitare tutto quello che questa città incantevole offre, ma siamo sicuri che al termine della vostra giornata a Milano sarete riusciti a catturare il vero spirito milanese.

COSA FARE A MILANO IN UN GIORNO

Abbiamo avuto la fortuna e la possibilità di visitare la città più volte: per questo siamo riusciti a condividere i migliori consigli e suggerimenti su casa fare e vedere a Milano in un giorno, cercando di operare un mix tra alcuni luoghi celeberrimi a cui abbiamo affiancato esperienze e location meno note ma ugualmente affascinanti.
Siamo convinti che questa sia un’ottima guida per visitare alcuni dei luoghi più belli e famosi del capoluogo lombardo, ma se visiti Milano per un giorno soltanto puoi prendere in considerazione l’idea di farti accompagnare da una guida locale in qualche tour particolare: qui trovi un elenco di alcune bellissime esperienze.
Pronti?

Cominciamo con la preparazione: il primo consiglio, infatti, riguarda un’attività da fare prima di partire, possibilmente con un po’ di anticipo. Ti consigliamo infatti di prenotare in anticipo la visita al Duomo, comprensiva delle Terrazze, e alla celeberrima Ultima cena di Leonardo da Vinci. Si tratta di un luogo iconico e di un capolavoro (il cenacolo) celeberrimo: prenotare in anticipo è essenziale per poter godere di queste due location con certezza e limitando al massimo le attese.
A questo link potrete prenotare la visita all’Ultima Cena, mentre qui potrete prenotare la visita al Duomo: prenotate con qualche giorno di anticipo per evitare il rischio di sold out nel giorno da voi scelto per la visita di un giorno a Milano o quello di dover perdere mezza giornata in coda.

MILANO IN UN GIORNO: PIAZZA DEL DUOMO E LE TERRAZZE

Nessun viaggio a Milano potrebbe mai dirsi compiuto senza veder il Duomo, un capolavoro gotico (almeno in parte!) la cui costruzione ha coinvolto generazioni di costruttori per 5 secoli: la sua costruzione, infatti, iniziò nel 1386 e terminò addirittura nel 1965, per un totale di 579 anni!

La cattedrale sorge nello stesso luogo in cui sorgevano due chiese precedenti, la Basilica di San Ambrogio e la Basilica di Santa Tecla, distrutte da un incendio nel 1075. La costruzione del Duomo fu voluta da Gian Galeazzo Visconti, duca di Milano, con l’obiettivo di rinnovare l’area e celebrare la politica di espansione territoriale della famiglia.
La costruzione della cattedrale fu affidata alla “Fabbrica del Duomo”, un’istituzione composta da 300 dipendenti guidata dall’architetto Simone da Orsenigo cui venne concesso l’utilizzo esclusivo del marmo della cava di Candoglia e l’esonero dal pagamento delle tasse.
Nel 1389, il francese Nicolas de Bonaventure fu nominato architetto capo e diede alla cattedrale una forte impronta gotica di derivazione francese. L’esterno della cattedrale fu coperto di marmo bianco rosa, e la cima culmina con un’infinità di pinnacoli e torri coronate da statue che contemplano la città.
La Madonnina, divenuta simbolo vero e proprio di Milano, statua di rame dorato che si trova nel punto più alto del Duomo, fu scolpita da Giuseppe Perego nel 1774.
Imperdibili quanto il Duomo sono le Terrazze: le 135 torri e guglie abbellite da più di duemila statue in marmo sarebbero da sole una ragione più che sufficiente per salire fin quassù, ma la vista vi lascerà sicuramente a bocca aperta. Per visitare le Terrazze potrebbe risultare utile la possibilità di acquistare un tour guidato saltafila!
Un consiglio: il Duomo è un luogo perennemente affollato, ma la mattina presto regala la possibilità di ammirarlo senza un’eccessiva folla… SIate mattinieri!

GALLERIA VITTORIO EMANUELE II

La Galleria Vittorio Emanuele II è, in un certo senso, il “centro commerciale” più antico e più “classy” d’Italia: non può mancare nel vostro itinerario di visita a Milano in un giorno. Ospita caffè storici come Biffi o ristoranti celebri come Savini e nell’Ottocento e nei primi anni del Novecento era il luogo in cui la borghesia cittadina si incontrava.

La Galleria Vittorio Emanuele II è un luogo talmente iconico che qui hanno un loro spazio brand celeberrimi come Louis Vuitton o Prada: tutti, a prescindere dall’importanza del proprio brand, utilizzano la medesima insegna composta da lettere dorate su un elegante sfondo nero, a conferma di quanto sia importante stare qui.
Il consiglio tuttavia è quello di non lanciarsi nello shopping sfrenato: il vostro tempo a disposizione è limitato ed è già tempo di dirigersi verso la terza location!

TEATRO ALLA SCALA

La Galleria Vittorio Emanuele II è un vero e proprio trait d’union tra piazza del Duomo e piazza della Scala, che ospita il celeberrimo teatro milanese, vero e proprio tempio dell’opera costruito nel 1778.

Ancora oggi la serata della “Prima”, ovvero il primo spettacolo della stagione, è uno degli eventi mondani più ambiti in Italia e non solo.
Naturalmente il consiglio è di non fermarsi all’esterno: la vera meraviglia infatti sta dentro il teatro. Potreste usufruire di un tour guidato del teatro alla Scala + museo (Sì, c’eravamo dimenticati di dirvi che naturalmente c’è anche un museo) che non dovrebbe creare troppi problemi alla tabella di marci del vostro itinerario di visita per vedere Milano in un solo giorno. L’esperienza top, naturalmente, sarebbe poter assistere ad uno degli spettacoli serali, ma qui sta a voi capire se ne avete il tempo e la possibilità.

BRERA E LA BIBLIOTECA NAZIONALE BRAIDENSE

Passeggiando lungo via Giuseppe Verdi e via Brera potrete addentrarvi nell’omonimo celeberrimo quartiere milanese, sede di almeno 3 luoghi iconici da visitare almeno una volta nella vita: la Pinacoteca di Brera, il più grande museo d’arte milanese, la biblioteca nazionale Braidense, un capolavoro del secolo XVIII aperto tutti i giorni dal lunedì al sabato (qui il link al sito ufficiale per gli orari) e l’orto botanico di Brera. Considerando la tipologia di visita che state effettuando (visitare Milano in un giorno soltanto!) probabilmente non avrete il tempo di visitare la Pinacoteca e l’orto botanico, ma andate a dare un’occhiata alla biblioteca, ne vale sicuramente la pena!

Brera è un quartiere esclusivo che conserva ancora l’antico spirito bohemien: se avete già fame qui non faticherete a trovare ottimo cibo, ma se potete resistere (magari facendo uno spuntino insieme ad un caffé), vi consiglieremo più avanti un’ottima opzione per il vostro pranzo.

CASTELLO SFORZESCO E PARCO SEMPIONE

Dalla Pinacoteca potete dirigervi lungo via Brera in direzione via Pontaccio, che imboccherete svoltando a sinistra: la strada, sempre dritta, vi consentirà di arrivare alla zona di Castello Sforzesco e parco Sempione entrando lateralmente. Il Castello è un imponente complesso fortificato, uno dei più grandi castelli d’Europa e uno dei principali simboli della città, insieme al Duomo.

La sua storia è lunga e complessa. Fu eretto nel XV secolo da Francesco Sforza, divenuto da poco Duca di Milano, sui resti di una precedente fortificazione medievale. Nel corso dei secoli, il castello fu notevolmente trasformato e modificato, fino a diventare, tra il Cinquecento e il Seicento, una delle principali cittadelle militari d’Europa.
Nel XIX secolo, il Castello Sforzesco fu restaurato in stile storicista da Luca Beltrami, che gli restituì l’antico splendore. Oggi, il castello ospita importanti musei, tra cui la Pinacoteca del Castello Sforzesco e il Museo d’Arte Antica Egizia.
Nel grande parco situato nelle vicinanze del castello trova spazio il museo della Triennale che propone mostre di design, arte, architettura e moda: non avrete il tempo di visitarlo, ma potete pranzare con vista all’ultimo piano del museo presso il Triennale Design Café, ne vale la pena.

E ORA L’ULTIMA CENA!

Se siete riusciti a seguire il nostro itnerario dovreste avere appena passato il momento del pranzo: davanti a voi avete ancora mezza giornata da trascorrere a Milano e la nostra proposta è di dirigervi ora verso Santa Maria delle Grazie per poter ammirare L’Ultima Cena, una delle opere pittoriche più famose del mondo.

Come detto all’inizio di questa guida, se volete includere opere come l’Ultima Cena nel vostro tour di un giorno a Milano dovrete necessariamente aver programmato la prenotazione di alcune location: l’Ultima Cena è una di queste ed ecco nuovamente il link tramite cui potrete prenotare la vostra visita… Calendario affollato vero? L’Ultima Cena è un dipinto parietale di Leonardo da Vinci, realizzato tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento adiacente al santuario di Santa Maria delle Grazie a Milano. È uno dei capolavori più famosi del Rinascimento italiano, e rappresenta l’episodio biblico dell’Ultima Cena di Gesù con i suoi apostoli. L’opera è realizzata con una tecnica mista a secco su intonaco, una tecnica sperimentale che Leonardo utilizzò per la prima volta in questo dipinto. Questa tecnica, che prevede l’utilizzo di pigmenti a base di oli e cere, è incompatibile con l’umidità dell’ambiente, e per questo motivo l’Ultima Cena ha subito un rapido degrado nel corso dei secoli.
Nel 1978, è iniziato un lungo e complesso restauro dell’opera, che è durato fino al 1999. Il restauro è stato effettuato con le tecniche più all’avanguardia del settore, e ha permesso di recuperare parte dell’originale bellezza dell’opera.

I NAVIGLI

I navigli sono una delle zone più affascinanti di Milano, soprattutto se riuscirete a vederli verso sera, quando l’atmosfera si fa vivace e molto piacevole in ogni stagione grazie a caffé, ristoranti, negozi d’arte e boutique che rendono speciale questa zona. Il luogo ideale in cui concludere a nostra guida su cosa fare e vedere in un giorno a Milano.

Scopri una Milano ancora differente: i nostri itinerari di street art
Un’altra guida dedicata ad una città italiana: cosa fare a Torino in un giorno o due