Il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni è un’area naturale protetta situata nella provincia di Salerno, nella parte meridionale della Campania. Istituito nel 1991, il parco si estende su una superficie di circa 36.000 ettari, che in seguito è stata ampliata fino a raggiungere gli attuali 181.048 ettari. Questa vasta area corrisponde come detto alla parte meridionale della provincia di Salerno, delimitata a nord dalla piana del Sele, a est e a sud dalla Basilicata e a ovest dal Mar Tirreno.

Il parco è davvero grande: comprende ben 95 comuni, la maggior parte dei quali, 80, si trovano all’interno dell’area protetta, mentre altri 15 sono nelle aree contigue. Questi comuni sono distribuiti tra il Cilento, il Vallo di Diano e la zona degli Alburni, ognuno con le proprie caratteristiche uniche e particolarità da scoprire. In totale, il parco include oltre 200 centri abitati.

LA FLORA E LA FAUNA DEL PARCO DEL CILENTO

Oltre 1.800 sono le specie vegetali che è possibile incontrare nel parco: la primula di Palinuro è una sorta di simbolo stesso del parco, oltre che tra le specie vegetali più interessanti.
Le specie animali sono invece oltre 600, molte delle quali di interesse comunitario, quali il lupo, l’istrice, il topo dal collo giallo, diverse specie di pipistrelli, rapaci e rettili.

LE AREE ARCHEOLOGICHE
All’interno del parco trovano spazio anche numerose aree archeologiche, tra cui quella di Paestum e di Velia.

>> Scopri la nostra guida del Cilento