Aqua Mater: la mostra di Sebastião Salgado a Genova

Dal 22 marzo al 14 luglio 2024, Palazzo Ducale di Genova ospita la mostra Aqua Mater del celebre fotografo Sebastião Salgado. L’esposizione, curata da Lélia Wanick Salgado, compagna di lavoro e di vita dell’artista, presenta 42 fotografie in grande formato che esplorano il tema dell’acqua in tutte le sue forme.

In Aqua Mater l’acqua è fonte di vita, elemento di bellezza e forza, ma anche risorsa preziosa minacciata dai cambiamenti climatici: questa la riflessione al centro del progetto di Salgado, che ha selezionato immagini scattate in diverse parti del mondo per raccontare il rapporto tra uomo e natura e le sfide che ci attendono.

Le fotografie, stampate in bianco e nero, sono allestite in un suggestivo percorso espositivo che si snoda attraverso le sale del Palazzo Ducale. La mostra è accompagnata da una traccia sonora composta da François Bernard Mâche e da un’audioguida in italiano e inglese con la storia personale di Salgado e i suoi ricordi delle foto presentate.

Un’occasione imperdibile per immergersi nell’universo poetico di uno dei più grandi fotografi contemporanei e per riflettere sull’importanza di un elemento vitale per il nostro pianeta.

Informazioni utili:

  • Sede: Palazzo Ducale, Genova
  • Date: 22 marzo – 14 luglio 2024
  • Orari: da martedì a domenica, 10-19 (la biglietteria chiude un’ora prima)
  • Biglietti:
    • Intero: € 12
    • Ridotto: € 10
    • Scuole: € 5
  • Prenotazioni: online o telefonicamente
  • Sito web: https://palazzoducale.genova.it/mostra/sebastiao-salgado/

Altri dettagli:

  • La mostra è prodotta da Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura in collaborazione con Rjma Progetti culturali, Creation e SM-Art.
  • In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua (22 marzo), l’ingresso alla mostra sarà gratuito.
  • Sono previste attività didattiche per le scuole.

Sebastião Salgado (Aimorés, Brasile, 8 febbraio 1944) è un fotografo e fotoreporter considerato uno dei più grandi maestri della fotografia contemporanea.
Nato in una famiglia di contadini, Salgado si è laureato in Economia all’Università di São Paulo. Dopo aver lavorato come economista per alcuni anni, ha deciso di dedicarsi alla fotografia nel 1973.

Il suo lavoro si concentra principalmente su temi sociali e ambientali, con una particolare attenzione alle comunità marginalizzate e alle zone del mondo in via di sviluppo. Ha viaggiato in oltre 120 paesi, realizzando reportage fotografici di grande impatto emotivo e sociale.

Tra i suoi progetti più noti:

  • “Other Americas”: un ritratto delle popolazioni indigene dell’America Latina
  • “Sahel: the end of the road”: una denuncia della carestia in Africa
  • “Genesi”: un’esplorazione della bellezza e della diversità del mondo naturale

Salgado ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti internazionali, tra cui il World Press Photo Award, il Prix Leica e il Hasselblad Award. Nel 1994 ha fondato, insieme alla moglie Lélia Wanick Salgado, l’agenzia fotografica Amazonas Images.

Il suo lavoro è stato esposto in mostre personali in tutto il mondo ed è presente nelle collezioni di alcuni dei più importanti musei di fotografia.